PostHeaderIcon «Valle d’Itria, le case diventeranno platea» di ANITA PRETI

 

«Valle d’Itria, le case diventeranno platea» di ANITA PRETI

A Martina Franca l'obiettivo è rispettare le date stabilite per il Festival, dal 14 luglio al 4 agosto. Studiando un'alternativa al programma annunciato prima del lockdown che prevedeva "Gli amanti sposi" di Wolf-Ferrari, "La rappresaglia" di Mercadante e "Leonora" di Paër.

La Scala disegna fra i desideri una possibile riapertura a settembre, l’arena di Verona annuncia una rivisitazione dei suoi schemi con il pubblico ridotto da tredicimila a tremila presenze. Il Ravenna Festival ha suggerito una possibile strada per mantenere fede agli impegni con gli spettatori e la cultura. Il Festival dei Due Mondi, a Spoleto, ha invece stabilito un rinvio sine die, mentre la stagione di Caracalla è stata annullata del tutto.

Il mondo della lirica e delle rappresentazioni all’aperto è attonito, confuso al pari dei grandi enti nazionali. Come si può mettere in scena un’opera sapendo che è impossibile distanziare le masse, immaginare una regia senza che il tenore e il soprano si abbraccino prima della fine dell’ultimo atto, come si può ipotizzare una superbuca che contenga tutta l’orchestra secondo le nuove regole del distanziamento e quale suono se ne caverebbe. E i coristi? Uno sulle Alpi, uno sugli Appennini e magari un terzo sulle Ande. E poi ci sono i danzatori, ove previsti dal compositore... forse per loro solo un minuetto potrebbe funzionare.

Insomma in questo caos nessuno azzarda previsioni né tanto meno programmi e nomi: troppo rischioso farlo con due settimane davanti che saranno la chiave di volta di tutto l’incontro-scontro con il terribile nemico che volteggia nell’aria. «Ma la speranza è l’ultima a morire», usa una proverbiale frase Franco Punzi, presidente del Festival della Valle d’Itria. A Martina Franca, infatti, sarebbe impossibile pensare a un’estate senza musica. Perché è così da 46 anni. Sul palcoscenico, nel Palazzo Ducale, sono passati in tanti e tutti famosi o destinati a esserlo. In quel mezzo secolo trascorso i nomi popolari, come Pavarotti, come Ricciarelli, hanno occupato lo spazio dei recital, ma nella preparazione di 135 titoli operistici o giù di lì si sono avvicendate giovani voci destinate a diventare anch’esse popolari: Dessì, Devia, Ciofi, e poi giovani direttori che oggi vanno per la maggiore nei teatri del mondo. Uno per tutti, Fabio Luisi.
Proprio i giovani, siano essi artisti, maestranze, spettatori, hanno da sempre costituito il punto di forza di questa formidabile “scuola” musicale. Allora Franco Punzi, che assomma su di sé, sulla sua indefessa tenacia, la potenza di questo festival di eccellenze e rarità al punto che nulla ha da temere in un ipotetico confronto con i teatri lirici e le arene, deve obbligatoriamente rispondere ai moti d’affetto che gli arrivano dagli spettatori, alle domande, alle pressanti richieste.

E il Festival, allora, ci sarà?

«Avevamo un programma presentato anche alla Bit, la Borsa del Turismo di Milano, ma certamente non lo si può attuare». Infatti, stando così le cose, è difficile immaginare per Martina, come per altri luoghi dove lo spettacolo regna sovrano, le vicinanze delle masse corali e orchestrali. Il programma della 46esima edizione prevedeva “Gli amanti sposi” di WolfFerrari, “La rappresaglia” di Mercadante, “Leonora” di Paër. Di solito il palcoscenico veniva allestito già a metà giugno.

E allora?

«Noi riteniamo che dal 14 luglio e fino al 4 agosto, le date stabilite, Martina Franca debba essere comunque presente nel panorama della musica e dello spettacolo. Così abbiamo dato incarico al direttore artistico, Alberto Triola, e al direttore musicale, Fabio Luisi, di studiare un programma che tenga conto delle situazioni e dei limiti che si sono venuti a creare e rispettando le disposizioni di legge che ci saranno o già ci sono».
Tutto da rifare quindi, per il tandem dei “progettisti”. E per tutto il resto della macchina organizzativa?
«A mio parere cambia poco, dal momento che siamo stati sempre rispettosi delle regole e continueremo ad esserlo».
Potrebbe, rimanendo in quel vago che la delicata situazione collettiva impone, azzardare qualche esempio di quel che sarà?
«Saranno utilizzati gli scenari naturali del barocco martinese, i chiostri, le masserie che sono state una felice riscoperta per il pubblico in questi ultimi anni, e il Palazzo Ducale aprirà le sue bellissime stanze».
Le andrebbe di coniare uno slogan per la prossima edizione?
«Potrebbe essere “Una novità nella novità”. Faremo il nostro lavoro di sempre cercando di mantenere alto il livello delle proposte, quella qualità che ci viene riconosciuta perché non possiamo tradire mezzo secolo della nostra storia. In più raggiungeremo per la prima volta i cittadini, i conterranei e il nostro pubblico sparso nel mondo attraverso le nuove tecnologie. Che entreranno anche come nuove componenti nella formulazione degli spettacoli».

A chi dedicare oltre che, come è giusto sia, agli assenti l’impegno profuso in questa edizione speciale?

«Al pubblico naturalmente. Ai lavoratori, agli artisti perché non si sentano abbandonati e mi riferisco non solo a chi sale sul palcoscenico ma anche a chi sta dietro le quinte, a tutti coloro che animano i laboratori. E voglio aggiungere, come sempre dico, ai giovani: non dobbiamo farli disaffezionare a musica arte e spettacolo. In momento di difficoltà, nulla deve animarci più della bellezza, della speranza e della gioia».

Quando si potrà conoscere qualcosa di più?

«Aspettiamo ancora qualche settimana. Il 18 maggio dovremmo sciogliere il nodo perché per quella data saranno definite le indicazioni del Governo. Concorderemo le risposte con il Comune, la Regione, la Provincia, perché siamo una Fondazione partecipata. E siamo intanto in buone mani, con Alberto Triola e Fabio Luisi, ai quali chiediamo uno sforzo speciale sapendo di doverlo aggiornare giorno per giorno con le novità. Certo, per una volta tradiremo, le parole di Paolo Grassi, il nostro ispiratore. Sosteneva la necessità di unire platea e palcoscenico. Questa volta il palcoscenico entra nelle case che diventano platea».

 

QUANDO: Giovedì 7 maggio 2020 - Quotidiano di Puglia

 

 

 

Ultime notizie

da giugno a dicembre 2021
Stravinsky & friends

La Fondazione Paolo Grassi, in occasione dei 50 anni dalla morte di Igor Stravinsky presenta il progetto "Stravinsky & friends", un ciclo di concerti, conferenze e approfondimenti in un viaggio alla scoperta delle idee e delle opere più significative del compositore russo e dei compositori a lui più vicini. In programma dodici concerti dedicati ad alcune delle più belle composizioni di Stravinsky e dei suoi "amici" Claude Debussy, Francis Poulenc, Sergei Prokofiev, Darius Milhaud, Nikolay Medtner e Maurice Ravel. All'interno della programmazione anche conversazioni a cura di esperti musicologi, docenti e storici dell'arte, ma anche un laboratorio di visione e critica cinematografica. In programma da giugno a dicembre 2021. Leggi tutto...

dal 17 luglio al 5 agosto 2021
47° Festival della Valle d'Itria

"Fiat lux" è il titolo della 47a edizione del Festival della Valle d'Itria che si svolgerà dal 17 luglio al 5 agosto a Martina Franca: 20 serate di spettacolo che accenderanno le luci dei palcoscenici di Palazzo Ducale, del Chiostro di San Domenico e delle antiche masserie della Valle - nel pieno rispetto dei protocolli anti-Covid - dove si alterneranno i grandi nomi della lirica fra rari titoli d'opera, oratori, recital e concerti sinfonici in un programma ideato dal direttore artistico Alberto Triola e dal direttore musicale Fabio Luisi. Leggi tutto...

dal 31 marzo 2021 - WebTV ore 18.00
Grassi & Strehler

Nell'anno del centenario della nascita di Giorgio Strehler, la Fondazione Paolo Grassi propone un ciclo di incontri a cura di Giovanni soresi dal titolo "Grassi e Strehler, l'arte di fare teatro", che avrà inizio mercoledì 31 marzo alle ore 18.00 con la messa in onda sulla WebTV della Fondazione del primo appuntamento. Leggi tutto...

Dal 17 luglio al 5 agosto 2021
Primi dettagli sul programma della 47^ edizione del Festival della Valle d’Itria dedicato al rapporto tra Napoli e Vienna

A Martina Franca, dal 17 luglio al 5 agosto 2021, la Creazione di Haydn, La Griselda di Scarlatti, L'Angelica di Porpora e la Winterreise di Schubert. Leggi tutto...

Agenda
<giugno 2021>
lunmarmergiovensabdom
31123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
2829301234
567891011
Alta formazione musicale
ACCADEMIA DEL BELCANTO INTERNATIONAL MASTERCLASS
Social Network
Info Contatti
Fondazione Paolo Grassi
via Metastasio 20
74015 Martina Franca (TA)
Email: info@fondazionepaolograssi.it

Telefono: +39 0804306763

Soci Fondatori:
Newsletter
Sì, acconsento al trattamento dei miei dati personali da parte di Fondazione Paolo Grassi o.n.l.u.s per l’invio della newsletter contenente informazioni e aggiornamenti. (Regolamento 2016/679 - GDPR e d.lgs. n.196 del 30/6/2003)


La presente informativa viene resa in ossequio all'art. 13 del Regolamento 2016/679 (GDPR), ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali) agli utenti che accedono al sito web www.fondazionepaolograssi.it ed è relativa a tutti i dati personali trattati secondo le modalità di seguito indicate.


IL TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento dei dati personali raccolti è FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS Via Metastasio, 20 – 74015 MARTINA FRANCA (Ta)
P. iva 02754360739


DATI RACCOLTI

I dati personali trattati sono raccolti in quanto forniti direttamente dall'interessato o forniti automaticamente.

I dati forniti direttamente dall'interessato sono tutti i dati personali che siano forniti al Titolare del Trattamento con qualsiasi modalità, direttamente dall'interessato. In particolare sono raccolti e trattati i seguenti dati personali:
- EMAIL

I dati raccolti automaticamente sono i dati di navigazione. Tali dati, pur non essendo raccolti al fine di essere associati all'identità dell'utente, potrebbero indirettamente, mediante elaborazione e associazioni con dati raccolti dal Titolare, consentire la sua identificazione. In particolare:
- Indirizzo IP
- Browser e device di navigazione

In seguito all'invio di newsletter, la piattaforma utilizzata consente di rilevare l'apertura di un messaggio e i clic effettuati all'interno della newsletter stessa, unitamente a dettagli relativi all'ip e al browser/device utilizzati. La raccolta di questi dati è fondamentale per il funzionamento dei sistemi di rinnovo implicito del trattamento (vedi la voce Modalità del Trattamento) e parte integrante dell'operatività della piattaforma di invio.


BASE GIURIDICA E FINALITA' DEL TRATTAMENTO

I dati sono trattati esclusivamente per le finalità per le quali sono raccolti, come di seguito descritte.

Utilizziamo i dati forniti dagli interessati per:


- solo in caso di specifico consenso dell'utente, per permettere l'adesione a servizi specifici e ulteriori quali l'invio di future comunicazioni informative e promozionali via mail o mediante strumenti elettronici.

Il conferimento dei dati elencati nella sezione "Dati Raccolti" è obbligatorio per consentire all'utente di accedere al servizio. Per tale ragione il consenso è obbligatorio e l'eventuale rifiuto al trattamento ovvero il mancato, inesatto o parziale conferimento dei dati potrebbe avere come conseguenza l'impossibilità di una corretta erogazione del servizio.

Il conferimento dei dati per le finalità di invio newsletter per scopi promozionali, informativi o di ricerca è facoltativo ed il rifiuto a prestare il relativo consenso al Trattamento darà luogo all'impossibilità di essere aggiornati circa iniziative commerciali e/o campagne promozionali, di ricevere offerte o altro materiale promozionale e/o di inviare all'utente offerte personalizzate.
FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS non fornisce a terze parti nessuna delle informazioni degli utenti senza il loro consenso, salvo ove richiesto dalla legge.

E' in ogni caso esclusa la diffusione e il trasferimento dei dati al di fuori dello spazio UE.


REVOCA DEL CONSENSO

L'interessato può revocare il proprio consenso alla ricezione di comunicazioni promozionali e commerciali immediatamente, inviando richiesta all'indirizzo email INFO@FONDAZIONEPAOLOGRASSI.IT oppure cliccando sull'apposito link di disiscrizione che potrà trovare nel footer di ogni mail promozionale e commerciale ricevuta.


MODALITA' DEL TRATTAMENTO

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti, prevedendo in ogni caso la verifica annuale dei dati conservati al fine di cancellare quelli ritenuti obsoleti, salvo che la legge non preveda obblighi di archiviazione.

Il trattamento dei dati avviene di norma presso la sede della società FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS, da personale o collaboratori esterni debitamente designati quali responsabili del trattamento. L'elenco completo dei responsabili del trattamento e degli Incaricati al trattamento dei dati personali può essere richiesto inviando apposita richiesta all'indirizzo email INFO@FONDAZIONEPAOLOGRASSI.IT

L'iscrizione e il trattamento relativo sono ritenuti validi fino alla disiscrizione da parte dell'utente, presente in ogni email, oppure dopo 12 mesi dall'ultima comunicazione di cui abbia evidenza di interazione diretta (click, apertura, risposta).

Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.


DIRITTI DELL'INTERESSATO

Ai sensi dell'art. 7 del Codice della Privacy e dell'art. 13 GDPR ciascun utente ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei suoi dati personali, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intellegibile.

In particolare, l'interessato ha diritto di ottenere da FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS l'indicazione:

1. dell'origine dei dati personali;
2. della finalità e delle modalità di trattamento;
3. della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici/informatici;
4. gli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e delrappresentante designato;
5. dei soggetti e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono esserecomunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

Inoltre l'interessato ha diritto di ottenere da FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS

1. l'aggiornamento, la rettificazione ovvero l'integrazione dei propri dati;
2. la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge;
3. l'accesso ai propri dati e cioè la conferma che sia o meno in corso un trattamento didati personali che lo riguardano;
4. la limitazione del trattamento,
5. la portabilità del dato, cioè il diritto di ricevere in formato strutturato i dati personali che lo riguardano;
6. diritto di reclamo all'Autorità di controllo.

Infine l'interessato ha il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta. In particolare l'interessato ha il diritto di opporsi al trattamento di dati personali che lo riguardano ai fini di invio di materiale pubblicitario commerciale o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Le richieste di cui ai punti precedenti dovranno essere inviate via email all'indirizzo INFO@FONDAZIONEPAOLOGRASSI.IT


AGGIORNAMENTI E MODIFICHE

FONDAZIONE PAOLO GRASSI ONLUS si riserva il diritto di modificare, integrare o aggiornare periodicamente la presente Informativa in ossequio alla normativa applicabile o ai provvedimenti adottati dal Garante per la Protezione dei dati personali.

Le suddette modifiche o integrazioni saranno portate a conoscenza degli interessati mediante link alla pagina di Privacy Policy presente nel sito web e saranno comunicate direttamente agli interessati a mezzo email.

Invitiamo gli utenti a prendere visione della Privacy Policy con regolarità, per verificare l'Informativa aggiornata e decidere se continuare o meno ad usufruire dei servizi offerti.